logo home

LEGGI L’APPELLO

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE

Copertina Twitter

Dal 20 e il 21 Agosto la campagna All In Per il diritto allo studio approda sulle spiagge e nelle città d’Italia!

14002315_10208012333280929_178190692_o

Dal 20 agosto parte la campagna estiva “In vacanza con All – In”. A partire dalla due giorni di sabato 20 e domenica 21 torniamo a raccogliere le firme per la legge di iniziativa popolare per il diritto allo studio!
La raccolta avverrà in concomitanza con le iniziative estive degli “Studenti per il No” alla riforma costituzionale, ribadendo la centralità della nostra proposta sul diritto allo studio all’interno della battaglia democratica. Siamo convinti, infatti, che garantire l’accesso universale alla formazione universitaria significhi anche riaprire spazi di democrazia nel nostro Paese e rafforzare i processi di partecipazione democratica di tutti i cittadini contro la continua esclusione sociale e politica.

Faremo banchetti e volantinaggi sui litorali e nelle città, organizzeremo azioni nelle spiagge, aperitivi e feste in tanti comuni d’Italia.
Abbiamo deciso di cogliere una grande sfida per il cambiamento reale del Paese a partire da una proposta di democrazia sostanziale, ben piantata nel presente ma che guarda al futuro. Consci che solo investendo in istruzione e cultura si può uscire da questa crisi economica e sociale.

Faremo quindi vivere la campagna ALL IN anche nelle lunghe giornate estive con una grande partecipazione e attivazione dal basso, rilanciando la raccolta firme ad Agosto consapevoli che il diritto allo studio come anche la democrazia non vanno in vacanza.

Conferenza stampa alla Camera dei Deputati: presentiamo All – In!

c_camera

Il giorno 23 Giugno 2016, alle ore 14.30 presso la sala stampa della Camera dei Deputati, si terrà una conferenza stampa promossa dal comitato nazionale promotore “All In” per la presentazione della proposta di Legge d’Iniziativa Popolare sul Diritto allo Studio.

Vai all’articolo completo qui.

Anche io Mi Metto In Gioco: ALL IN per il Diritto allo Studio!

#mimettoingioco-01

Le elezioni amministrative sono alle porte. Come spesso accade domina la retorica paternalista sull’importanza delle scuole e delle università all’interno delle città, mentre faticano ad emergere le proposte concrete sul terreno dell’inclusione e del sostegno agli studi.

Basta slogan vuoti, c’è bisogno di una scelta di coraggio. C’è bisogno che i candidati e le candidate si mettano in gioco per riconoscere realmente il ruolo sociale dei luoghi della formazione all’interno del territorio, dichiarando pubblicamente il proprio impegno sul tema e mettendo in campo misure efficaci. Abbiamo indicato 5 proposte che affondano le proprie radici in riflessioni approfondite e in piattaforme elaborate dalle realtà che compongono il comitato All In! Per il Diritto allo Studio, a partire da Sbilanciamo le Città della campagna Sbilanciamoci e da La città agli invisibili della Rete della Conoscenza.

Vai all’articolo completo.

VERSO IL 21 APRILE E OLTRE: CONTINUA LA RACCOLTA FIRME PER IL DIRITTO ALLO STUDIO!

università

La campagna All In-  Per il diritto allo studio lancia per il 21 aprile banchetti in tutta Italia.

Saremo davanti a scuole, case dello studente, mense universitarie e poli didattici per ribadire la centralità della nostra proposta come cambiamento reale del modello di diritto allo studio nel nostro Paese. La nostra scelta non è casuale: saremo nei luoghi della formazione, per gli studenti e le studentesse, informando e facendo firmare la nostra proposta di legge.

Articolo completo e elenco banchetti qui

notriv

Come comitato promotore della legge d’iniziativa popolare sul diritto allo studio esprimiamo con fermezza la nostra intenzione di voto favorevole al referendum del 17 aprile, per due importanti ragioni.

La prima è legata strettamente al testo del quesito referendario.

Il punto è chiaro e circoscrive (fin troppo) il problema: l’estrazione d’idrocarburi entro le 12 miglia (marine) dalla costa non può continuare per tutta la durata di vita utile del giacimento, ma deve cessare (procedendo alla dismissione e bonifica) allo scadere della concessione.

Com’è sempre stato, d’altronde, visto che l’articolo di cui viene richiesta l’abrogazione si trova nella legge di stabilità 2016, quindi di recentissima stesura (e attuazione).

Troviamo inaccettabile che le compagnie petrolifere possano usufruire di concessioni “a vita”!

Oltre a snaturare il senso della concessione in sé,  esso non è altro che un utile contentino, svenderebbe completamente un bene appartenente alla collettività  e forzerebbe una corretta dinamica di controllo e garanzia.

Vai all’articolo

ALL IN: 9 E 10 APRILE  INIZIA LA RACCOLTA FIRME PER LA LEGGE D’INIZIATIVA POPOLARE SUL DIRITTO ALLO STUDIO. 50 PIAZZE IN TUTTA ITALIA

 

Il 9 e 10 Aprile in tutta Italia inizierà la raccolta firme per la Legge di Iniziativa Popolare sul Diritto allo Studio,  l’ambizioso progetto di moltissime realtà impegnate per la difesa dei diritti sociali che hanno individuato nell’ accesso alla formazione il nodo centrale per la costruzione di una società con meno disuguaglianze.

“ALL-IN: “tutti dentro”, questo è il nome che abbiamo scelto per la campagna, perché la nostra sfida è quella di rendere gli atenei realmente accessibili attraverso l’estensione universale del diritto allo studio – dichiara il comitato promotore della Lip sul Diritto allo Studio – L’espressione “ALL-IN”sta proprio a testimoniare che siamo in una fase in cui è necessario “giocarsi tutto”. Non abbiamo più nulla da difendere di questo sistema universitario. Stiamo costruendo comitati da nord a sud del Paese, tanto nelle grandi città quanto nei piccoli centri, per rendere questo percorso realmente attraversabile ed aperto. Per questo abbiamo creato un sito per illustrare la proposta, raccogliere osservazioni e metterci in contatto con chi vuole impegnarsi.”

“Il 9 e 10 Aprile saremo in tutta Italia, con più di 40 banchetti nelle strade e nelle piazze italiane- continua il comitato promotore della LIP sul Diritto allo Studio – per questo importante momento nazionale, in cui tutti i promotori dei referendum sociali saranno impegnati nella raccolta firme. Anche noi saremo nelle piazze di tutta Italia, con e per la cittadinanza, per raccogliere le firme all’interno delle città. Da Torino a Roma, da Bologna a Bari, nei piccoli centri e nelle metropoli, il 9 e il 10 aprile segneranno anche per noi l’inizio di una sfida complessa, che vogliamo giocarci fino in fondo.

facebook
twitter-logo
youtube